Come si esegue un trattamento con il Monocorda™

Generali

come si esegue un trattamento con il monocorda™

Come si esegue un trattamento con il Monocorda™

I motivi che mi hanno spinto a realizzare i Monocorda™ sono:

  • Il suono che ha caratteristica di calmare istantaneamente la mente.
  • La possibilità di applicare una frequenza al corpo

Oggi parlerò del secondo punto e potrete anche vedere la mia spiegazione nel video qui sotto.

La domanda di partenza in questo caso è: come si esegue un trattamento con il Monocorda™?

Innanzitutto va spiegato che questo strumento ha la caratteristica di essere accordabile, contrariamente a molti altri usati nei trattamenti a base di suoni. Questa peculiarità permette a chi si appresta a fare “terapia sonora” con il Monocorda™ la possibilità di scegliere la frequenza di base per l’accordatura, che potrà essere ad esempio la 432Hz (considerato il La naturale), così da utilizzare suoni che il nostro corpo riconoscerà sensati per riportare armonia nel nostro sistema continuamente sottoposto a disarmonia. Basti pensare alla nostra vita nel caos delle città piuttosto che al continuo flusso di notizie negative divulgate in continuazione dai media.

Come potremmo considerare queste interazioni se non come un continuo investimento di frequenze negative?

L’applicazione di frequenze considerate rigeneranti come la 432Hz attraverso un trattamento con il Monocorda™ va dal mio punto di vista a ricreare armonia in tutto il nostro sistema. Questo tipo di interazione è più veloce e semplice, e considerando che ogni disagio è generato da un disordine emozionale, si andrà a riportare equilibrio anche a questo livello.
Il Monocorda™ è particolarmente adatto alla “suono-terapia” anche per la sua caratteristica di avere una fondamentale che attraverso l’accordatura fa risuonare più una zona del nostro corpo che un’altra, coprendo comunque tutta la gamma di frequenze dall’inudibile in basso all’inudibile in alto in modo molto pieno. Tutto questo potrà essere visto in un prossimo video dove uno spettrometro metterà in evidenza proprio quello che sto dicendo.
Il poter essere accordato da la possibilità a chi fa “terapia” con i suoni mediante questo strumento di usare le note per far risuonare i singoli Chakra, così da riequilibrare questi canali energetici che spesso presentano blocchi piuttosto importanti, tali a volte da non permettere un buon flusso energetico.
Trattamenti di questo tipo non hanno nessun effetto collaterale e possono essere ricevuti anche più volte nell’arco di un mese, a seconda dell’esigenza, portando grande beneficio sia fisico che emozionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.

Menu